Trasporto bici sul treno

Trasporto delle bici al seguito.

Secondo quanto stabilito dal protocollo d’intesa con la Regione Puglia, il trasporto delle bici al seguito del viaggiatore sui treni regionali è a titolo gratuito. Sulla linea ferroviaria “Foggia – San Severo – Apricena Citta’ – Rodi – Peschici” il trasporto è ammesso su tutti i treni, contrassegnati con apposito simbolo, nel numero massimo di 3 bici per convoglio. Sulla linea ferroviaria “Foggia – Lucera” è ammesso su tutti i treni nel numero massimo di 3 bici a convoglio. In tutti gli altri casi non è ammesso. Le bici vanno depositate negli appositi spazi. Il trasporto è ammesso in ragione di una bicicletta per passeggero. Non è consentito il trasporto delle bici in numero superiore alle disponibilità dei posti indicati. In caso di esaurimento delle disponibilità, i passeggeri dovranno attendere il convoglio successivo. Sono ammesse solo le biciclette monoposto a trazione normale, senza alcun tipo di motore. Il possessore della bicicletta è tenuto ad effettuare personalmente le operazioni di carico e scarico della stessa, attenendosi alle disposizioni ricevute dal personale aziendale ed è resposnabile dei danni causati alla propria, alle altrui biciclette, al personale, al materiale ferroviarie ed a terzi. Il viaggiatore con bici al seguito non dovrà  ostacolare la salita e la discesa degli altri passeggeri, evitando di sostare sulle piattaforme. Durante il viaggio non è consentito lasciare oggetti o bagagli sulle biciclette o negli spazi adibiti al trasporto delle stesse. Il trasporto dei ragazzi con bici al seguito è ammesso solo a condizione che gli stessi siano accompagnati da persona adulta. In caso di emergenza le biciclette devono essere lasciate a bordo in modo da non recare intralcio all’uscita dei viaggiatori. Se recuperabili, saranno restituite ai proprietari dietro presentazione dei titoli di viaggio e del documento di riconoscimento. Le infrazioni e le sanzioni sono regolamentate dal D.P.R. 753/80 e dalla L.R. 18/2002. L’Azienda non effettua alcuna attività di custodia e, quindi, non è responsabile per furti o manomissioni alle biciclette lasciate in sosta.